Ministero degli affari e del mercato del Regno

Che cos’è un’attività del Regno?

Innanzitutto, mi piace dire che c’è una distinzione tra un’attività cristiana e un’attività del Regno. Qual è questa distinzione?

Per cominciare, qualsiasi cristiano può essere in affari e molte volte è proprio quello che è, un cristiano negli affari. La maggior parte degli imprenditori avvia un’attività in modo da poter generare profitto e ricchezza a lungo termine per se stessi, compresi i cristiani.

Non c’è niente di sbagliato in questo punto di vista in superficie. Tuttavia, questo tipo di visualizzazione può darci una visione a tunnel per la nostra attività. Può anche comportare i possibili pericoli di alimentare la nostra stessa natura avida e farci perdere la prospettiva se i nostri affari appartengono veramente a Dio.

Come seguaci e servitori rinati del nostro Re Gesù, non gestiamo semplicemente un’attività come qualsiasi altra organizzazione. In altre parole, l’azienda che possediamo e gestiamo non è solo nostra. Tutto ciò che abbiamo in realtà appartiene al nostro Re e noi siamo semplici amministratori qui per promuovere il Suo Regno.

In poche parole, un’impresa del Regno è qualsiasi entità il cui scopo principale è utilizzare i guadagni derivanti dal fare affari sul mercato per promuovere il Regno di Gesù Cristo.

Che cos’è un ministero del mercato?

Ora che abbiamo una migliore comprensione di cosa sia un’attività del Regno, vorrei parlare di cosa sia un Ministero del mercato.

In poche parole, Marketplace Ministry è il piano strategico di Dio per raggiungere il nostro mondo per Gesù attraverso il nostro lavoro o affari. Il ministero si svolge fuori dalle quattro mura della nostra chiesa. Trascorriamo innumerevoli ore alla settimana sul posto di lavoro e il modo in cui impieghiamo il nostro tempo dovrebbe essere importante.

Molti di noi cristiani spesso si sentono distaccati dalla vera realtà del culto domenicale rispetto alla routine quotidiana della nostra normale settimana lavorativa. Abbiamo difficoltà quando si tratta di integrare la nostra fede e il mondo degli affari.

I cristiani, proprio come chiunque altro, trascorrono la maggior parte del loro tempo al mercato. Il nostro mercato spazia da casa, affari e comunità. Fondamentalmente è ovunque ci impegniamo con gli altri.

Dio desidera usare i cristiani come testimonianza vivente per raggiungere coloro che si sono persi e non Lo conoscono. Siamo il popolo di Dio che Egli sceglie di utilizzare come strumenti di cambiamento in un mondo caduto e corrotto.

Perché creare un elenco di e-mail?

Alcuni cristiani sono riluttanti a creare una lista di e-mail perché può sembrare davvero invadente e autopromozionale. Sembra molto più marketing e molto meno ministero.

L’errore più grande e peggiore che puoi fare con il tuo business online, che sia cristiano o meno, è non sviluppare una lista di e-mail. Forse hai già sentito il termine “I soldi sono nella lista”? Questo è vero anche se si tratta di un servizio senza scopo di lucro. A proposito, lo scopo di qualsiasi attività commerciale è guadagnare un profitto.

Bene, fammi tornare indietro solo un po’. Non è tanto “Il denaro è nella lista”, ma come cristiano che costruisce un’attività del Regno e porta il tuo ministero sul mercato, la tua lista di e-mail è il modo migliore per connetterti con il tuo pubblico. Inoltre, una mailing list sarà il tuo bene più prezioso in quanto è l’unica cosa che ti appartiene davvero anche se non hai nulla da vendere ti permetterà di comunicare direttamente con i tuoi iscritti.

Non è un sistema che appartiene ai proprietari come tutte le piattaforme di social media. Ad esempio, se dovessi creare un gruppo di follower su Facebook o Twitter ma non acquisire mai la loro email, come contatterai il tuo pubblico se la piattaforma ti banna o se la piattaforma non esiste più?

Quando creare un elenco di e-mail e chi dovrebbe essere nella tua lista?

Quando? – Un vecchio proverbio cinese recita: “Il momento migliore per piantare un albero era 20 anni fa. Il secondo momento migliore è adesso”.

Oms? – La maggior parte delle persone o “la tua tribù” se vuoi, non forniscono il loro indirizzo e-mail a una persona qualsiasi, quindi se qualcuno entra nella tua lista, ha attualmente dimostrato di conoscerti, di apprezzare e anche di fidarsi di te già in una certa misura e quelli sono quelli che vuoi sulla tua lista.

La creazione di un elenco di e-mail autentico richiederà di riconoscere le esigenze del pubblico di destinazione e semplicemente di soddisfare tale esigenza. Queste sono le persone per cui stai costruendo la tua mailing list.

Come creare un elenco di e-mail

Per iniziare il processo di creazione della lista dovrai creare un account con un servizio di gestione delle liste, come Aweber, GetResponse o Mailchimp.

In alternativa, puoi utilizzare un autoresponder self-hosted se sei più esperto di tecnologia. Raccomando Aweber perché lo trovo il più user-friendly secondo me.

Il modo più semplice per invogliare qualcuno a compilare un modulo di iscrizione in modo che possa entrare nella tua lista e-mail è creare un “Opt-in Freebie”. L’omaggio opt-in può essere quasi qualsiasi cosa tu voglia che sia come un eBook, un rapporto gratuito, una lista di controllo, una guida “How To”, ecc. Solo così c’è un certo valore percepito lì.

Presenteresti il ​​tuo omaggio opt-in sotto forma di una pagina web o di una finestra pop-up. Questa è la tua tangente etica, se vuoi, in cambio del nome e dell’indirizzo email di una persona. Una volta che l’abbonato è nella tua lista, offri loro ciò che hai promesso.

Lo facciamo impostando un autoresponder. Questo può essere fatto facilmente tramite il tuo servizio di gestione delle liste. Ricorda di mantenere i tuoi messaggi di follow-up o newsletter pertinenti alla tua offerta e missione.

Il tuo prossimo passo è assicurarti un account di risposta automatica professionale, in modo che tu possa iniziare a costruire una lista di email per il tuo Ministero degli affari e del mercato del Regno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *